How to disappear completely

IMG_20160522_174037.jpg
Ed eccomi, testa dentro il frigo a seguire l’impeto da casalinga disperata, fuori esplode il sole di una splendida giornata di maggio, io chiusa in casa e chiusa anche dentro me. Butto via vasetti che ormai festeggiavano compleanni con tanto di trenini tra le mele e l’insalata. La paletta di legno per i pancakes diventa la mia spada contro i draghi interpretati da una lastra di ghiaccio al mirto versato. Granita di mirto. E sudore e lacrime. Ché il ruolo richiede le pause, seduta sul divano a singhiozzare fumando.
Vedi te se mi doveva capitare in un weekend pieno di vita di farmi annodare la gola da mille certezze messe in discussione. Se doveva arrivare un altro stronzo senza che lo cercassi, senza che nemmeno mi piacesse in fondo, a mettere in crisi quelle cose che sembravano stessero andando a posto.
Ed eccomi, mani a tirare fuori tutto quello che c’è in un cassetto delle posate, che alla fine di posate quasi non ne contiene, elastici, cordini per i sacchetti, chiudi pacco di ogni genere e colore, se scavo bene ci trovo anche qualche mio dolore, vuoi vedere?
E divano, e pensieri che galleggiano nella musica, ti ho resisitito stavolta Adele, mi puoi contestare perché quello che sto ascoltando non è molto più gioioso di te, ma stavolta non ti ascolto mentre ricaccio singhiozzi, come la più patetica delle donne deluse. E lo so perché, perché non è di qualcuno che sono delusa, sto puntando il dito a me stessa, mi sto prendendo a sberle, stiamo facendo a botte, io e me stessa.
Ed eccomi, che sono le 20 e io sono arrampicata su una scala, sudata,  a togliere la fuliggine e lo smog di un inverno passato sulle mie finestre. Ci metto tutta la forza di cui sono capace, il cielo da quassù ha un colore più intenso. Guardo soddisfatta attraverso il vetro e la mia rabbia il mondo fuori.
Quante sigarette ho fumato? Tante quante le sberle che mi darei per essermi fatta scalfire dalle parole ancora una volta, quando mi sentivo forte e vitale.
Ho dato un altro titolo di una canzone a un post. Un’altra canzone da consumare, da ripetere mentalmente mentre lascio che questa domenica mi passi addosso. Ieri ho messo a posto casa e consumato energie, mentre volevo mettere a posto me stessa, per quello ci vorrà più tempo, ma sarò splendente come il sole dietro le finestre pulite. Il tempo di lasciare scomparire la parte peggiore di me.
Advertisements

Tagged: , ,

19 thoughts on “How to disappear completely

  1. rodixidor May 22, 2016 at 4:21 pm Reply

    Anche la canzone non è che sia più allegra di te

    • LaLetteraVi May 22, 2016 at 4:59 pm Reply

      sei il mio “mettitore di video di cui parla il post” 🙂
      non lo è, non lo sono, ma passa tutto prima o poi.

  2. LaLetteraVi May 22, 2016 at 5:06 pm Reply

    e c’è anche un po’ di questa qui.

  3. Fedifrago ® May 22, 2016 at 10:22 pm Reply

    Mi hai fatto ricordare che ho finito il mirto …..

    • LaLetteraVi May 22, 2016 at 10:58 pm Reply

      Spero non perché se l’è bevuto il freezer come da me.

      • Fedifrago ® May 23, 2016 at 6:22 am

        No no …devo essere stato io. Il mio ha provato a bersi lo JaegerMaister, Vodka e Mirto erano chiusi meglio…..

      • LaLetteraVi May 23, 2016 at 7:37 am

        abbiamo dei freezer alcolizzati.

  4. massimolegnani May 25, 2016 at 8:02 am Reply

    niente di peggio di una giornata col bel sole fuori e il buio dentro: non resta che la furia domestica.
    molto evocativa l’immagine dello scarico in farsi risucchiare.
    ml

  5. massimolegnani May 25, 2016 at 8:02 am Reply

    (..in CUI farsi risucchiare)

    • LaLetteraVi May 25, 2016 at 8:07 am Reply

      a volte riesco a rendere meglio le mie sensazioni con le foto, più che con le parole.

  6. kovalski May 31, 2016 at 4:55 am Reply

    è che non spariamo mai completamente, non da noi stessi, almeno…

    • LaLetteraVi May 31, 2016 at 8:00 am Reply

      no, non si sfugge da noi stessi e forse è proprio quando vorresti scomparire che è il caso di prendere ancora più coscienza di te stesso.

      • kovalski May 31, 2016 at 8:16 am

        forse il modo è svanire IN se stessi…

      • LaLetteraVi May 31, 2016 at 8:26 am

        full immersion, come in una vasca da bagno, per poi uscirne belli lucidi. 🙂

  7. kovalski May 31, 2016 at 4:55 am Reply

    (la foto è MAGNIFICA)

  8. Davide Malesi August 26, 2016 at 1:24 pm Reply

    Questo post mi ha fatto venire in mente una cosa che ha scritto lo scrittore russo Venedikt Erofeev: “Andando al bagno, fare un elenco di tutte le parti che bisogna lavare, e, via via, cancellare”. Che a me non sembra mai una cosa triste, però.

    • LaLetteraVi August 26, 2016 at 1:28 pm Reply

      grazie, non conosco lo scrittore ma sono onorata! e sì, la citazione casca alla perfezione.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Confessioni di una falena

(ma prima ero un vampiro)

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

AGRUMI

Spremute acide di una viaggiatrice sentimentale

io ricomincio da me

e ora siamo in 3...

Firstime in Boston

Pensieri disgiunti in universi congiunti.

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Pronti per cambiare il mondo

Druid Earyn - Pronti per cambiare il mondo

spinadirosa

non avere le idee chiare è un buon inizio per la conoscenza

Willy Worka

Lavorare all'estero non è mai stato così facile

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

DEMIAN

[Io ero un parto della natura lanciato verso l'ignoto, forse verso qualcosa di nuovo o forse anche verso il nulla, lasciare che si sviluppasse dal profondo, obbedire al mio destino e far mia la sua volontà, questo era il mio compito.] Hermann Hesse

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Le storie sono ovunque

E gli altri che fanno? Sono normali?

Le mille e una Tavola

Autobiografia culinaria

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

CULTURA SALENTINA

Rivista di pensiero e cultura meridionale

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Music For Travelers

One good thing about music, when it hits you, you feel no pain (Bob Marley)

adoraincertablog

...un messaggio in bottiglia....

Ali di Velluto

per non perderla, falla tua per sempre

il bisogno di scrivere

Scrittore è chiunque scrive

Dovesei

Come What May

Diario di un ninfomane per bene

Calcoli di una mente intollerante alla matematica

intorno

omerico, isterico, generico, chimerico, clisterico

Prigioniera_Del_Deserto

Portate Acqua per i miei Vasi Sanguigni

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Willyco

in alto, senza parere

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

MM - MERIDIAN MAURA

MM - Meridian Maura, un nuovo stato mentale al di là di ogni tradizionale linea di longitudine. Dopo tutto il fuso orario è solo un'illusione.

mammagisella

Mi nascondo in un blog da mamme per dire cose anche da non mamma

settembre

(come la sabbia del mare che si appiccica alle gambe)

Milano svelata

la città svelata a chi non la conosce ....ma anche senza veli

Pirofobia

Tutte le parole che non ho detto.

Il blog di Sevy

Lancio banane al di là delle staccionate

FEDIFRAGO ®

NIHIL CONSCIRE SIBI, NULLA PALLESCERE CULPA

orearovescio

scrivere è entrare nelle ore a rovescio

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

A Regola d'Arte!

spazio dedicato a tutti coloro che amano o odiano l'arte

MrsBean. pensieri e vita da mrsbean.

Pensieri di una diversamente giovane. Margherita Penza.

uaresovain

u probably think this blog is about u

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

baciati dall'ansia

Gente con più capelli che anima.

Occhi al futuro

Viviamo il presente per costruire in esso il nostro futuro

The Moment Between Moments

I'm always looking for the perfect moment..with photography I can make it last forever

%d bloggers like this: