Mete sentimentali

Due giorni fa ho rivisto Harry ti presento Sally, dopo tanto tempo, con altre esperienze addosso. È incredibile come cambi la tua percezione su tante cose a seconda di ciò che stai vivendo o che nel frattempo ti è arrivato addosso. È fortemente anacronistico quel film, perché oggi Harry e Sally – forse – sarebbero stati trombamici e poi non si sarebbero parlati più, bloccandosi su tutti i social, probabilmente. Forse si sarebbero incontrati su un blablacar da Chicago a New York (esiste blablacar in America? Bah, vabbè), lui l’avrebbe cercata su facebook, le avrebbe messo quella ventina di like alle foto profilo per poi approdare a parlarle su Messenger. E via di sexting, e via di aperitivo (che impegna poco, si sa). Insomma, loro potevano esistere una ventina di anni fa, oggi le dinamiche non sarebbero le stesse.
Poi mi sono trovata a parlare con un’amica (santa amica, che sopporta i miei scompensi sentimentali da qualche mese in qua, quando mi ha presentato un amico) e a rispondere a una domanda. “Ma tu, cosa vuoi da un rapporto?” Magari le parole non erano proprio queste, ma insomma, il senso è quello lì. E succede così, per caso, che ti si accende una lampadina. Ho già risposto a questa domanda, anche al mio analista, perché in sostanza non lo so. Chiariamo: non vivo rapporti canonici, “normali” da tempo. Ok, ora vi state chiedendo cosa vuol dire normale. Quella cosa per cui conosci uno, esci una serie di volte, ti presenta (gli presenti) gli amici, iniziate a passare dei venerdì sera avvolti da copertina e gatti davanti a un film (o una serie tv), cucinate insieme, andate a fare la spesa, nel migliore (?) dei casi vi ritrovate a condividere gatti e casa. Ecco, no, queste cose non le vivo da un bel po’. Questo mi porta a pensare che non so se veramente è quel che cerco. Alcune cose delle coppie mi danno, se non paura, un sottile stranimento. E poi c’è quella cosa che trovare una tazza in un posto diverso da dove la metto io di solito mi disturba un filo. Nonostante il mio disordine compulsivo. Ma è il mio, non quello altrui. Quindi, partendo da qua, ho avuto l’illuminazione. Da anni io non ho un obiettivo sentimentale, ovvero non ho un ideale di rapporto perfetto. Tendo a privilegiare le persone e a cercare di capire poi cosa voglio. Chiaro, rimane di base la necessità della chiarezza, della condivisione, delle piccole cose che ti fanno stare bene (come scrivevo qualche tempo fa in “Continuare a esserci”), ma non c’è in me un’idea precisa della relazione che vorrei. Non seguo l’idea della famiglia, i pargoli (non ho nemmeno più l’età per quello), la station wagon e quelle cose lì. Forse perché appartengono alla V. di vent’anni fa, proprio come Harry e Sally. Di là ci sono passata e ho deciso io di chiudere un matrimonio. Sì, conta anche che non fosse la persona giusta, ma sono scappata da quel quadro. Adesso non è che ne fugga, non capita, spesso i rapporti partono già con una sorta di scadenza, ma questo non mi aiuta a pensare che vorrei per forza qualcuno con cui arrivare a una meta definita.
Non so se sia corretto vivere così, se in fin dei conti è un cane che si morde la coda, me lo sto chiedendo, però ci ho veramente fatto caso adesso. La maggior parte della gente che conosco vive seguendo un obiettivo sentimentale, sa che un giorno vorrà stare seduta su un divano rosso (o giallo, questo non è veramente importante) a mangiare patatine con un’altra mano che ci ravana dentro – no, ok, questo potrebbe piacere anche a me – sa di volersi svegliare ogni giorno con un’altra faccia accanto, che ambisce a vedere qualcuno che gira per casa in mutande, mentre io penso che mi capita di russare, che poi dovrei rinunciare a certi miei rituali, che al mattino dovrei parlare, e la cosa mi innervosisce. Insomma, gran parte delle persone vogliono un rapporto che arrivi poi alla completa condivisione e io, invece, non lo so. Non dico che lo escludo, che possa cambiare idea, dico che non è la mia meta quando incontro qualcuno che mi piace e con cui sto bene. E mi chiedo se sono strana io.

Advertisements

20 thoughts on “Mete sentimentali

  1. intorno January 3, 2017 at 11:05 am Reply

    Io penso che più si cresce e meno si tollera. In senso lato. Per te che vivi sola è ancora più difficile accettare l’invasione permanente dei tuoi spazi fisici e altro. A meno di non rimanere folgorata e perdere il senno e il cuore

    • LaLetteraVi January 10, 2017 at 1:50 pm Reply

      ultimamente non ci arrivo nemmeno a rimanere folgorata, nemmeno momentaneamente. e quindi rimane quel grande “non so” di fondo.

      • intorno January 10, 2017 at 5:30 pm

        proprio l’assenza di folgorazione ti fa fare tutte quelle considerazioni e non ti fa desiderare “altro”

      • LaLetteraVi January 10, 2017 at 9:45 pm

        Mh, no è parecchio più complesso di così, difficile da spiegare.

      • intorno January 11, 2017 at 7:07 am

        immagino.

  2. SemplicementeBlu January 5, 2017 at 6:54 pm Reply

    La penso proprio come Intorno. Più si passa tempo da soli e più si perde la tolleranza pure per le cose di poco conto… e poi forse semplicemente vivi un periodo in cui gli obiettivi da raggiungere non sono sentimentali, che male c’è?

    • LaLetteraVi January 10, 2017 at 1:51 pm Reply

      vero, ho molte cose per la testa, ma in generale mi è difficile immaginare una persona in casa. sono convinta che il tempo in solitudine incida molto, ma mi piacerebbe capire se è davvero solo quello.

  3. agrumiviaggiatrice January 5, 2017 at 7:14 pm Reply

    mah, anche io non so cosa cerco da un rapporto. e anche io quelle cose normali lì, non le vivo da veramente tanto tempo. E il punto è che vedere le dinamiche di coppia, spesso, mi mette l’ansia e non capisco come la gente si viva le cose così velocemente e con così tanta leggerezza, rinunciando all’individualità senza pensarci due volte.
    Mah.

    • SemplicementeBlu January 6, 2017 at 12:50 pm Reply

      Io sono proprio quella gente, adesso poi dal duetto siamo passati alla triade…si vive non velocemente, ma alla velocità della luce e non credo ci sia leggerezza, ma un’immensa profondità. Questi sono punti di vista ovviamente! Un periodo l’ho cercata anche io una vita in cui la mia individualità spiaccasse su tutto, mi sono sentita arida e vuota. Siamo tutti diversi e nati con “missioni” diverse, non ce n’è una migliore o peggiore delle altre è che ognuno ha la sua, credo😊

    • LaLetteraVi January 10, 2017 at 1:53 pm Reply

      vero, certe dinamiche sono terrorizzanti, al pari ho anche degli esempi positivi, questo è da dire. per come sono io non credo potrei però finire in quello schema, chi mi sta troppo addosso finisce rapidamente per stancarmi. infatti nemmeno ci arrivo a valutare una relazione con chi dai primi contatti mi mette l’ansia.

      • agrumiviaggiatrice January 10, 2017 at 5:02 pm

        ecco sì, io da sempre sono così Il mio primo fidanzato serio, non avevo neanche 17 anni e già gli avevo detto “devi imparare a lasciarmi i miei spazi, o non dureremo un attimo”, perchè l’ansia e la pressione mi fanno scappare a gambe levate immediatamente!

  4. agrumiviaggiatrice January 6, 2017 at 2:08 pm Reply

    Sì solo che le persone che vivono così senza troppe ansie, mi pare che siano molto più felici di me.
    Però l’individualità che spicca, non significa che si debba essere da soli, am asolo che ci si lascia al centro perchè è l’unico modo di essere equilibrati con gli altri, almeno secondo me!
    E soprattutto, è vero che spesso si ha una meta sentimentale a tutti i costi, e a quel punto è la meta che vogliamo raggiungere e non importa con chi… e questo proprio non mi appartiene,
    Non capire non significa dare un giudizio negativo 🙂

    • LaLetteraVi January 10, 2017 at 1:57 pm Reply

      sono in sintonia con agrumi, penso che il discorso non fosse negativo, e che intendesse soprattutto quella malsana tendenza alla totalizzazione. nel senso, se sto con una persona devo essere comunque in grado di conservare le mie peculiarità e non appiattirmi per ottenere quello che voglio dall’altro. ecco, penso che sia sacrosanto conservare l’individualità, perché da lì arriva la ricchezza di un rapporto.

      • agrumiviaggiatrice January 10, 2017 at 4:56 pm

        ecco, esattamente!

  5. Fedifrago ® January 9, 2017 at 8:13 pm Reply

    A mio avviso avere un obiettivo preciso è un male, perché finisci per adattare le persone ai tuoi obiettivi, anziché fare il contrario.
    Io mi regolo in questo modo: quando viene a casa mia e rispetta il mio ordine, ed io a casa sua rispetto il suo, e lo facciamo con naturalezza allora siamo pronti per un ordine (o disordine) condiviso.
    E se è vero che molti rapporti hanno scadenza, come il latte ….io non bevo latte 😉

    • LaLetteraVi January 10, 2017 at 1:59 pm Reply

      eh, ma qua parlo proprio di prodotti freschi, il giorno dopo sono già andati. se avrò modo di sperimentare un’invasione di campo ti farò sapere se ha rispettato i miei disordini 😉

      • Fedifrago ® January 10, 2017 at 7:52 pm

        Più che freschi direi dei velocisti 😜

      • LaLetteraVi January 10, 2017 at 9:46 pm

        Sarò in da evitare, che ci vuoi fare.

      • Fedifrago ® January 10, 2017 at 10:56 pm

        boh …io ho conosciuto anche donne velociste 😜

      • LaLetteraVi January 11, 2017 at 6:34 am

        ah certo, non è una prerogativa maschile!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Confessioni di una falena

(ma prima ero un vampiro)

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

AGRUMI

Spremute acide di una viaggiatrice sentimentale

io ricomincio da me

e ora siamo in 3...

Firstime in Boston

Pensieri disgiunti in universi congiunti.

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Pronti per cambiare il mondo

Druid Earyn - Pronti per cambiare il mondo

spinadirosa

non avere le idee chiare è un buon inizio per la conoscenza

Willy Worka

Lavorare all'estero non è mai stato così facile

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

DEMIAN

[Io ero un parto della natura lanciato verso l'ignoto, forse verso qualcosa di nuovo o forse anche verso il nulla, lasciare che si sviluppasse dal profondo, obbedire al mio destino e far mia la sua volontà, questo era il mio compito.] Hermann Hesse

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Le storie sono ovunque

E gli altri che fanno? Sono normali?

Elisabetta P.

Creative storyteller

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

CULTURA SALENTINA

Rivista di pensiero e cultura meridionale

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Music For Travelers

One good thing about music, when it hits you, you feel no pain (Bob Marley)

adoraincertablog

...un messaggio in bottiglia....

Ali di Velluto

per non perderla, falla tua per sempre

il bisogno di scrivere

Scrittore è chiunque scrive

Dovesei

Come What May

Diario di un ninfomane per bene

Calcoli di una mente intollerante alla matematica

| A Milano Puoi |

La Milano più bella in tasca.

intorno

omerico, isterico, generico, chimerico, clisterico

Prigioniera_Del_Deserto

Portate Acqua per i miei Vasi Sanguigni

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Willyco

in alto, senza parere

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

MM - MERIDIAN MAURA

MM - Meridian Maura, un nuovo stato mentale al di là di ogni tradizionale linea di longitudine. Dopo tutto il fuso orario è solo un'illusione.

mammagisella

Mi nascondo in un blog da mamme per dire cose anche da non mamma

settembre

(come la sabbia del mare che si appiccica alle gambe)

Milano svelata

la città svelata a chi non la conosce ....ma anche senza veli

Pirofobia

Tutte le parole che non ho detto.

Il blog di Sevy

Lancio banane al di là delle staccionate

FEDIFRAGO ®

NIHIL CONSCIRE SIBI, NULLA PALLESCERE CULPA

orearovescio

scrivere è entrare nelle ore a rovescio

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

A Regola d'Arte!

spazio dedicato a tutti coloro che amano o odiano l'arte

MrsBean. pensieri e vita da mrsbean.

Pensieri di una diversamente giovane. Margherita Penza.

uaresovain

u probably think this blog is about u

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

baciati dall'ansia

Gente con più capelli che anima.

Occhi al futuro

Viviamo il presente per costruire in esso il nostro futuro

%d bloggers like this: