Smettila, Firenze

Non so se a voi è capitato di avere una città che ricorre nella vostra vita. Una città che non è quella in cui siete nati, né quella che avete scelto per viverci. Firenze è un tormento. Tutto è iniziato quando avevo circa sei anni. Succedeva in un secondo, il buio davanti agli occhi, le stelle (sì, quel modo di dire “vedere le stelle”, non è un modo di dire), il mio esile corpo andava in black out e il mio respiro si tramutava in una sinfonia di fischi (che col tempo ho affettuosamente soprannominato i gattini), arrancavo e boccheggiavo. Sembrava una rincorsa dei miei bronchi all’aria e quell’aria era difficile riuscire a prenderla, se ci penso ancora oggi mi sento annaspare. Lecce e gli ospedali, la rincorsa alle analisi e indagini mediche che mi hanno portata a conoscere la mia amica fidata d’infanzia, a farmi compagnia più di un amico immaginario, nei miei primi dieci anni di vita, c’è stata lei, l’asma allergica. E per lei stavo per conoscere ben poco altro di questo mondo. Così è arrivata la prima volta Firenze. Il mio amorevole medico curante, del quale credo di essere stata anche fanciullescamente innamorata in una prematura sindrome alla Spielrein-Jung, indicò la strada verso la città toscana e il Meyer. Seguirono annuali viaggi e cure e vaccini (che se lo volete sapere a me hanno salvato la vita e prenderei a botte chi pensa che siano nocivi), Firenze, il ponte sulla ferrovia, le infermiere premurose, i bambini da tutto il mondo. In particolare ricordo Giuseppe di Matera, con cui abbiamo anche avuto un’amicizia epistolare per lungo tempo.
Poi gli anni passano, e ti ritrovi venti e più anni avanti, sposata, in quella che è diventata la tua seconda città, Milano.
Il mio allora marito, dopo spiacevoli vicissitudini lavorative, ha l’opportunità della vita, un’occasione irrinunciabile, la svolta. A Firenze. Ho provato a viverci, un maggio in cui l’Arno faceva salire dalle sue acque l’umido soffocante. Mancava il fiato un’altra volta e questa volta non si trattava dell’asma, sconfitta molti anni prima grazie proprio a quella città. No, non ci sono voluta rimanere in quella casa che guardava il fiume, nella Firenze che incanta il mondo, ma non incantava me.
Arriviamo a oggi, a questa lunga trattativa estenuante: ed eccola lì, di nuovo tu, ma non dovevamo vederci più? Credo che Firenze sia innamorata di me e torni periodicamente nella mia vita come nemmeno uno stalker, un’amante respinta che gioca tutte le sue carte, un venditore porta a porta che mette il piede a tenere aperto l’uscio e fa sfilare sotto il tuo naso ammalianti depliant. Ma io, cara la mia Firenze, ti ho già dato dei due di picche, ti ho detto che non compro un cazzo, che non ti voglio fare entrare. Ho capito, è un debito karmico, mi hai salvato la vita, ma non possiamo accordarci rateizzando la mia presenza in romantici weekend che offrirò al mio futuro fidanzato con i soldi (tanti) che guadagnerò col mio prossimo lavoro?

Advertisements

10 thoughts on “Smettila, Firenze

  1. Fedifrago ® November 18, 2016 at 6:54 am Reply

    Io sono stato uno zingaro (pur mantenendo sempre il punto fermo della mia Milano), ed ho avuto legámi con molte città: Napoli, Bari, Trieste, Roma. Ecco, la più ricorrente è Roma, per vari motivi

    • LaLetteraVi November 19, 2016 at 5:28 pm Reply

      Roma la amo, però. Anche se casa è Milano per me.

  2. B. Polare November 19, 2016 at 4:42 pm Reply

    Come ti capisco! Tanto per cambiare.
    Un giorno, forse, di fronte a una birra ghiacciata, ti racconterò di come Firenze mi accoglieva in adolescenza e di come io abbia aspettato i 19 anni per abbandonare quella terra conosciuta in tutti il mondo, quella terra che tutti definiscono favolosa, quella terra che io sostengo essere “carina”, se solo non abitata da toscani.

    • LaLetteraVi November 19, 2016 at 5:28 pm Reply

      Che piacere leggerlo da te. (Le birre saranno almeno quattro o multipli di quattro)

  3. Aldievel November 21, 2016 at 7:18 pm Reply

    Frequento spessissimo Firenze, sia per questioni di ricerca che per vicinanza geografica. È una città che per tanti motivi non mi è mai piaciuta e condivido le tue impressioni. Certo non la cambierei mai con Milano, nemmeno morto, ma questo è un altro discorso.
    Ciao! 🙂

    • LaLetteraVi November 24, 2016 at 4:04 pm Reply

      Solo perché molti che vengono a Milano non vanno nel profondo e non sanno com’è viverci, quello che offre, come sa essere bella. Lo è. Credimi.

      • Aldievel November 24, 2016 at 4:17 pm

        Mi fido, ma preferisco continuare a passarci per forza una volta all’anno. E per quanto mi riguarda è anche troppo. 🙂

  4. gentallegra May 9, 2017 at 10:31 pm Reply

    da toscano che vive vicino a Firenze, che devo dire? Amo Firenze, ma sono convinto che il mondo è bello perché vario. Quindi non mi metto a discutere che certi giudizi siano sbagliati, ognuno faccia ciò che crede meglio. Solo una precisazione: a chi ha scritto che che Firenze sarebbe bella solo se non ci fossero i toscani è bene che sappia che se non c’erano i toscani non c’era Firenze e il solo fatto che lo pensi mi rende chiaro il perché Firenze e la sua immensa bellezza sia qui e non da altra parte.

    • LaLetteraVi May 13, 2017 at 8:45 am Reply

      Io non lo direi di sicuro, ho persone molto care lì. Ho solo un problema​ personale con Firenze. Lo so che è bella. Lo so che ha la sua magia. E non denigro. Sono solo pezzi di vissuto ad allontanarmene. 🙂

      • gentallegra May 13, 2017 at 9:26 am

        Eh, ti capisco, capita anche a me, ma poi mi dico”Caspita c’entra, questo luogo bellissimo?” e lo guardo con occhi nuovi. Gustandomelo, che la vita non è per sempre.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Confessioni di una falena

(ma prima ero un vampiro)

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

AGRUMI

Spremute acide di una viaggiatrice sentimentale

io ricomincio da me

e ora siamo in 3...

Firstime in Boston

Pensieri disgiunti in universi congiunti.

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Pronti per cambiare il mondo

Druid Earyn - Pronti per cambiare il mondo

spinadirosa

non avere le idee chiare è un buon inizio per la conoscenza

Willy Worka

Lavorare all'estero non è mai stato così facile

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

DEMIAN

[Io ero un parto della natura lanciato verso l'ignoto, forse verso qualcosa di nuovo o forse anche verso il nulla, lasciare che si sviluppasse dal profondo, obbedire al mio destino e far mia la sua volontà, questo era il mio compito.] Hermann Hesse

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Le storie sono ovunque

E gli altri che fanno? Sono normali?

Le mille e una Tavola

Autobiografia culinaria

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

CULTURA SALENTINA

Rivista di pensiero e cultura meridionale

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Music For Travelers

One good thing about music, when it hits you, you feel no pain (Bob Marley)

adoraincertablog

...un messaggio in bottiglia....

Ali di Velluto

per non perderla, falla tua per sempre

il bisogno di scrivere

Scrittore è chiunque scrive

Dovesei

Come What May

Diario di un ninfomane per bene

Calcoli di una mente intollerante alla matematica

intorno

omerico, isterico, generico, chimerico, clisterico

Prigioniera_Del_Deserto

Portate Acqua per i miei Vasi Sanguigni

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Willyco

in alto, senza parere

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

MM - MERIDIAN MAURA

MM - Meridian Maura, un nuovo stato mentale al di là di ogni tradizionale linea di longitudine. Dopo tutto il fuso orario è solo un'illusione.

mammagisella

Mi nascondo in un blog da mamme per dire cose anche da non mamma

settembre

(come la sabbia del mare che si appiccica alle gambe)

Milano svelata

la città svelata a chi non la conosce ....ma anche senza veli

Pirofobia

Tutte le parole che non ho detto.

Il blog di Sevy

Lancio banane al di là delle staccionate

FEDIFRAGO ®

NIHIL CONSCIRE SIBI, NULLA PALLESCERE CULPA

orearovescio

scrivere è entrare nelle ore a rovescio

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

A Regola d'Arte!

spazio dedicato a tutti coloro che amano o odiano l'arte

MrsBean. pensieri e vita da mrsbean.

Pensieri di una diversamente giovane. Margherita Penza.

uaresovain

u probably think this blog is about u

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

baciati dall'ansia

Gente con più capelli che anima.

Occhi al futuro

Viviamo il presente per costruire in esso il nostro futuro

The Moment Between Moments

I'm always looking for the perfect moment..with photography I can make it last forever

%d bloggers like this: